Il miele biologico è il protagonista del quinto appuntamento di Storie Bio.

Siamo giunti al quinto appuntamento con Storie Bio. Il sodalizio creativo e professionale tra la Kaos Communication e Bioqualità, società di consulenza alimentare. Dopo il successo dei mesi scorsi con le arance [gennaio], il latte [febbraio], la pasta [marzo], farina [aprile], torniamo con una nuova illustrazione a 360 gradi che ha come protagonista il miele biologico.

Simone Stricelli e Paolo Iammarino, con il contributo di Simona Riccio e dei consulenti di Bioqualità, hanno realizzato un’illustrazione per spiegare in modo divertente, semplice e chiaro il processo produttivo e i benefici del miele biologico.

Per raccontare le proprietà benefiche del miele biologico – affermano il direttore creativo Simone Stricelli e il senior graphic Paolo Iammarino – abbiamo deciso di fare un viaggio a ritroso nel tempo, di valorizzare le api e di raccontare il loro instancabile lavoro. Non abbiamo illustrato nessuna filiera, se non la natura stessa. Siamo ricorsi alla letteratura greca e agli scritti omerici. Le api, oltre ad essere un simbolo religioso, riassumono le virtù e le attitudini della vita umana. Le api sono le signore del tempo e delle metamorfosi e muovono l’orologio biologico della natura.

Potete trovare tutti gli articoli al fondo correlati da un’intervista realizzata da Simona Riccio al direttore generale di Conapi/Consorzio Nazionale Apicoltori e un approfondimento di Valerio Steccanella sugli aspetti fondamentali della produzione mellifera biologica. Tutto correlato da una ricetta di una deliziosa torata crumble ai mirtilli con miele bio della foodblogger La Cuoca Galante.