L’agenzia Kaos Communication che si occupa di comunicazione digitale è stata scelta come media partner dell’evento “Il digitale per l’agrifood in Umbria“.

L’evento si terrà venerdì 27 settembre ed è organizzato dal Team Digitale per l’Agrifood, in partnership con lo Studio Legale Spacchetti, l’Associazione AIDR, Italia4blockchain, Legal Hackers Perugia e con il patrocinio del Comune, della Provincia di Perugia e Regione Umbria.

L’evento formativo è gratuito e si terrà dalle ore 9:00 alle ore 13:00 presso la Sala Consiliare della Provincia di Perugia (Piazza Italia 11, Perugia). 

Manifesto Realizzato dal Team Creativo della Kaos Communication

Le tecnologie digitali di frontiera (intelligenza artificiale, internet of things, blockchain in primis), le loro intersezioni e le loro applicazioni stanno cambiando profondamente il mondo in cui viviamo e non potranno non avere un impatto profondo sull’agrifood. L’industria 4.0 dal canto suo rappresenta una grande sfida per l’agricoltura perché permette, attraverso droni, satelliti, immagini in 3D, di prendere decisioni in modo più veloce, di prevenire eventuali criticità e di comunicare più velocemente i dati all’intera filiera. 

Per governare la trasformazione in modo efficace, senza perdere competitività e senza sconti sulla qualità, è essenziale costruire una strategia integrata di digitalizzazione dell’agrifood, in tutti i suoi comparti: dalla produzione alla trasformazione alla filiera al marketing

La conferenza ha la “presuzione” di provare a costruire un dialogo che coinvolga tutti i soggetti interessati: aziende agricole, esperti di innovazione, operatori giuristi, policy makers, ricercatori e cittadini.

Durante la giornata di lavori de “Il digitale per l’Agrifood in Umbria” prenderanno parte anche due persone del nostro team: Simone Stricelli, Creative Director e Simona Riccio Project Manager per il settore Agrifood & Organic Specialist.

Simone Stricelli Creative Director Kaos Communication, Simona Riccio Agrifood & Organic Specialist

Nel keynote speech dal titolo Dal dato all’identità di marca. Il ruolo dello storytelling nel marketing vinicolo, Simone Stricelli, mostrerà come si può partire dai dati meteo per raccontare ed emozionare con l’identità di marca.

I dati conducono la creatività o la creatività conduce il dato?

Il lavoro dell’agenzia pubblicitaria è quello di trasformare tutto ciò che sono i dati in creatività e con essa creare un’identità di marca competitiva, pretenziosa e conservatrice, dove tradizione e innovazione possano spingere il cliente/consumatore/individuo all’acquisto.

Simona Riccio nel suo keynote speech parlerà di un argomento molto attuale e interessante dal titolo Corporate Social Responsibility Marketing. Quanto, attraverso l’utilizzo di una buona strategia di comunicazione digitale, può influenzare la percezione del brand e fare aumentare il successo di business. Il caso Melinda.

Illustrerà l’importanza degli investimenti aziendali in iniziative di CSR – Corporate Social Responsability, le motivazioni di scelta, i vantaggi e le ricadute delle iniziative.

Spiegherà la conoscenza e la percezione della CSR da parte degli italiani e come è fattibile recuperare la parte degli scettici. L’importanza dell’utilizzo dei diversi strumenti di comunicazione per diffondere l’impegno strategico verso la sostenibilità. Lo concluderà, attraverso la case history di Melinda, facendo emergere quanto l’attenzione a tutto ciò che sta intorno ad un’azienda genera valore al di là del risultato economico e vada ad aumentare il successo di business.

Da non perdere, però, sono anche i keynote speech di Marco Santarelli, Direttore Scientifico ReS On Network Londra, Fondazione Margherita Hack e Capo Dipartimento Scienze dell’Uomo e Sociali e Responsabile Laboratorio IC2 Lab – Poliarte di Ancona e Jose David Ramirez, Marketing & Wine Specialist.

Il docente Marco Santarelli nel suo keynote speech parlerà di un argomento molto interessante per il futuro Intelligence ambientale e smart solution

Oggi i dati viaggiano ad una velocità tale che questo comporta vulnerabilità e problemi per la loro sicurezza. In ambiti come FOOD e CYBER bisogna dotarsi di sistemi di security che mirano a proteggere i sistemi di comunicazione per garantirne la non violabilità e la trasparenza.

L’occasione è storica ed è un modo per unire finalmente insegnamenti di tipo trasversale, generare percorsi tra scienze umane e scienze naturali e fisiche. Insieme ad esperti del settore stiamo promuovendo convegni ed incontri per mettere insieme la soluzione delle criticità e dei rischi sistemici propri delle infrastrutture critiche attraverso percorsi di cibernetica, teoria dell’informazione ed Intelligence applicata a sistemi internazionali. Tutto questo per cercare, con algoritmi e intelligenza artificiale, di definire meglio situazioni di crisi e prevenirle in maniera più efficace.

Studiare, mappare, raccogliere dati, capire cosa sono i dati e cosa è la rete. Chi si occupa di business intelligence, intelligence, intelligence ambientale, blockchain, digital innovation e chi lavora nel settore dell’acquisizione dei dati, la loro gestione, integrazione e elaborazione, deve portare avanti una concreta analisi che vada a confrontare i risultati ottenuti con altre serie di dati provenienti da fonti diverse, a prescindere dal settore, e capire come si utilizzano i dati per il rispetto della trasparenza e della produttività. Bisogna lavorare prima di tutto sull’individuazione del problema per la comprensione di quelli che chiamiamo “meccanismi di propagazione del rischio sistemico”. Ovvero generare una corretta stima dei canali di contagio del singolo settore che permetterebbe di individuare i punti critici del sistema

Jose David Ramirez nel suo keynote speech dal titolo Il settore vitivinicolo tra marketing e comunicazione del valore verso la trasformazione digitale parlerà di come il prodotto vitivinicolo si basa sul concetto di valore percepito.

Ma nell’era dell’information overload un settore frammentato come quello del vino rischia di confondere sempre di più la domanda. Tra denominazioni e territori, la morsa del prezzo va combattuta con un solido approccio di marketing. E nel “futuro già presente” il vantaggio competitivo andrà ricercato, lungo la filiera, considerando il Digitale come il Reale.

Inoltre molto interessanti sono anche i keynote specch di Alessandra Lombardi, Avvocato Studio Legale Spacchetti, Co-founder Legal Hackers Perugia e Roberto Reale Innovation Manager, Responsabile osservatorio blockchain e smart contract AIDR.

Alessandra Lombardi nel suo keynote speech dal titolo Smart Contract e Blockchain a servizio dell’agrifood 4.0 illustrerà i possibili contributi positivi che queste tecnologie potranno apportare al settore agrifood, non solo in termini di maggiore efficienza e trasparenza del sistema nel suo complesso, e più in generale tra tutti gli attori della filiera agricola, ma anche per assicurare una più efficace applicazione delle normative attualmente in vigore.

Ed è proprio tale complesso substrato normativo, che individua gli aspetti più critici della filiera, regolamentandoli dettagliatamente, sanzionando severamente il mancato rispetto degli obblighi imposti, dettando prescrizioni e richiedendone attestazioni documentali, a costituire l’ingrediente indispensabile il quale, applicato alla tecnologia blockchain, permetterà di dar vita ad una ricetta di successo.

Nel keynote dal titolo Verso un’Umbria digitale, Roberto Reale spiegherà come la trasformazione digitale si governa partendo dal territorio.

Think globally, act locally è un mantra che conserva invariata la sua pregnanza, a fortiori “dal di dentro” del cambiamento profondo che stiamo attraversando.

Parleremo allora di agenda digitale regionale, che vive complessi rapporti di affinità elettive con la sua controparte nazionale e con la governance europea; e lo faremo partendo dal principio che “digitale” non è più una parte o un modo di essere del tutto. Digitale è tutto


Ad aprire i lavori ci saranno, insieme al Sindaco di Perugia Andrea Romizi, il Presidente della Provincia Luciano Bacchetta e l’assessore alle politiche agricole e agroalimentari della Regione Umbria Fernanda Cecchini.

Inoltre nella conferenza, inoltre, il dott. William Nonnis Full Stack & Blockchain Developer del Ministero della Difesa, il dott. Pietro Azzara Presidente di Italia4Blockchain, nonché il mondo accademico con il prof. Luca Grilli Docente di Sicurezza Informatica, Dipartimento di Ingegneria, il prof. Angelo Frascarelli Docente di Economia e Politica Agraria dell’Università di Perugia e il prof. Fulvio Sarzana di Sant’Ippolito Avvocato e Docente di Diritto dell’Amministrazione Digitale, oltreal dott. Francesco Paolo Russo di Ciù Ciù Tenimenti Bartolomei – Marketing Innovation.

Modererà l’evento l’avvocato Paolo Spacchetti.